CONSIGLI D'USO

La conoscenza di queste nozioni di base ti permetterà di sfruttare al meglio i benefici delle piante.

Prima applicazione delle erbe tintorie
La prima applicazione delle erbe tintorie fornisce delle indicazioni importanti sui capelli ed in particolare su come recepiscono il colore.
Le piante tintorie lavorano per stratificazione, appoggiandosi di volta in volta sul capello e creando uno strato protettivo, rinforzante e colorante, quindi con l’aumentare delle applicazioni sulla stessa zona il colore assumerà toni più pieni (fino a scurirsi).

Capelli porosi, normali o vetrosi?
I capelli possono essere considerati porosi se recepiscono molto bene il colore altrimenti sono da considerarsi vetrosi.

Cerchi un riflesso o un colore intenso?
Per riflessare una chioma, soprattutto se non si ha necessità di coprire i capelli bianchi, a volte è sufficiente una sola applicazione. Per ottenere coperture dei capelli bianchi o colori intensi a volte è necessario insistere con le applicazioni in quanto le erbe tintorie lavorano per strati.

Scelta della nuance
Sarà fondamentale scegliere la giusta pianta o miscela di piante per ottenere il risultato desiderato e soprattutto una nuance che possa armonizzare e valorizzare il proprio colore di base.

Le erbe tintorie coprono i capelli bianchi?
Le erbe tintorie coprono anche il 100% di capelli bianchi perfettamente fin dal primo trattamento.
Bisogna solo sapere bene come fare. Scegliere la giusta pianta o miscela per il colore che si vuole ottenere, preparare la pastella nel modo corretto, applicare in modo uniforme (abbondante e cercando di coprire per bene tutta la zona che si vuole colorare), attendere il giusto tempo di posa e effettuare il giusto risciacquo. Sono necessarie senza dubbio esperienza e pratica.

Si possono miscelare insieme più erbe o miscele?
Le erbe e le miscele di erbe si possono miscelare senza alcun problema tra loro. Bisogna solo sapere come farlo nel modo corretto, soprattutto nel caso del colore al fine di ottenere il giusto equilibrio adatto alla propria esigenza.
Il nostro consiglio è quello di preparare le pastelle dei prodotti che si vogliono abbinare separatamente e poi unirle in un composto unico. In questo modo si riesce a comporre il proprio trattamento di colore personalizzato nel modo giusto. Per le erbe o miscele neutre invece non c’è nessun problema nel preparare tutto insieme contemporaneamente.

LA PREPARAZIONE APRI/CHIUDI

La giusta consistenza della pastella
La preparazione della pastella è una fase essenziale per la riuscita dell’applicazione. Se la pastella risulta troppo densa o troppo liquida può pregiudicare l’azione dell’henné e delle polveri d’erbe (anche neutre). La giusta consistenza è quella di un semolino non troppo pastoso e senza grumi che sia facilmente stendibile sui capelli. In caso di dubbi è sempre meglio un composto lievemente più liquido (ma non troppo) rispetto a uno lievemente più denso.
Lasciar riposare la pastella circa 30 minuti prima di applicarla, questa azione consente alle polveri vegetali di assorbire tutta l’acqua necessaria per rimanere stabili durante il tempo di posa e non asciugarsi sui capelli, il che potrebbe compromettere il risultato e potrebbe seccarli.

La temperatura dell'acqua
La temperatura dell’acqua è un elemento importante nella preparazione della pastella. L’acqua, nel nostro composto, è il solvente che libera i principi attivi delle piante tintorie e permette la formazione del pigmento (ciò che darà poi colore ai capelli). L’acqua molto calda (non portata ad ebollizione) accelera i tempi e permette di ottenere il massimo dalla pianta. I nostri studi e la nostra esperienza affermano che tutte le piante coloranti necessitano di acqua calda per il pieno processo di liberazione dei pigmenti.


Gli ingredienti da aggiungere alla pastella
Il nostro consiglio è quello di preparare sempre le pastelle solo con acqua calda di rubinetto, senza null’altro, a meno che non sia esplicitamente riportato sul modo d’uso della bustina. In caso di acqua particolarmente dura, si può optare per l’utilizzo dell’acqua in bottiglia, microfiltrata o distillata. In caso di polveri che rendano la pastella poco cremosa consigliamo di aggiungere una confezione di Gel Pastellante

 

APPLICAZIONE E RISCIACQUO APRI/CHIUDI

Il risciacquo: shampoo, shampoo e balsamo o solo acqua?
Per risciacquare al meglio l’henné e polveri d’erbe tintorie si consiglia l’utilizzo del Co-Wash Districante oppure del Balsamo Ristrutturante, utilizzando infine un pettine a denti stretti per rimuovere tutti i granelli di polvere. È invece caldamente sconsigliato l’uso dello shampoo, che il più delle volte rischia di lavare via anche il colore delle erbe appena fatte.
Si consiglia di evitare shampoo per le successive 48 ore al trattamento tintorio vegetale. Questo consentirà il pieno sviluppo del colore e della presa sul capello.

Come conservare la pastella avanzata
La pastella avanzata può essere conservata nel congelatore ed essere utilizzata per un’applicazione successiva, senza perdita alcuna delle sue proprietà e funzionalità. Una volta pronta, si mantiene nel frigorifero 3-4 giorni. In questo caso, è importante valutare sempre l’eventuale presenza di muffe.

POSA E DURATA APRI/CHIUDI

Ogni quanto ripetere l’applicazione dell’Henné e delle erbe tintorie?
Le prime volte che ci si confronta con la colorazione vegetale sarebbe preferibile ripetere il trattamento ogni 10-15 giorni circa. In modo da ottenere il colore e la copertura desiderati. Una volta raggiunto il risultato si potrà intervenire mensilmente solo sulle ricrescite, applicando sulle lunghezze un trattamento neutro oppure una pastella tintoria a basso tempo di posa (20 minuti).

Con i lavaggi l’Henné va via?
Le erbe tintorie non sono pigmenti permanenti, ma si appoggiano alla cheratina del capello, legando con essa, per poi scaricare in un tempo medio di 3-4 settimane e variabile in base alla frequenza di lavaggio.

Il giusto tempo di posa
È possibile consultare il tempo di posa nelle istruzioni riportate su ogni bustina.
In generale i trattamenti vegetali per capelli, coloranti o neutri, non dovrebbero rimanere su cute e capelli per più di 120 minuti, massimo 180 minuti. Nel caso dei trattamenti neutri di solito una posa compresa tra i 15 ed i 60 minuti è sufficiente per beneficiare di tutti i principi attivi della pianta o della miscela di piante che si è scelto di utilizzare.

A qualcuno è piaciuto18 minuti fa da Trento
A qualcuno è piaciuto19 minuti fa da Perugia
A qualcuno è piaciuto20 minuti fa da Aosta
A qualcuno è piaciuto21 minuti fa da L’Aquila
A qualcuno è piaciuto22 minuti fa da Potenza
A qualcuno è piaciuto23 minuti fa da Catanzaro
A qualcuno è piaciuto24 minuti fa da Napoli
A qualcuno è piaciuto25 minuti fa da Bologna
A qualcuno è piaciuto26 minuti fa da Trieste
A qualcuno è piaciuto27 minuti fa da Roma
A qualcuno è piaciuto28 minuti fa da Genova
A qualcuno è piaciuto29 minuti fa da Milano
A qualcuno è piaciuto30 minuti fa da Ancona
A qualcuno è piaciuto31 minuti fa da Campobasso
Pre-loader